Dal dentista
senza paura

01/03/2017

Come gestire i pazienti bambini

Una guida per dentisti principianti

Quando i pazienti di un medico dentista sono bambini, lo studio dentistico deve essere ideato e progettato a loro misura. Il primo approccio è essenziale per un percorso fatto di collaborazione e massima tranquillità.
I pazienti bambini hanno il diritto di sentirsi a proprio agio in un ambiente che mai deve apparire ostile, ma piuttosto un luogo dove si trovano professionisti simpatici e che li possano curare senza stress e soprattutto spiegando loro quello che andranno a compiere.
Ecco quindi alcuni preziosi consigli che un odontoiatra dovrebbe seguire per aiutare i più piccoli a superare i loro timori.

Conformare l’ambiente al paziente

La paura della poltrona del dentista è una delle cause per cui le sedute diventano traumatiche per i pazienti bambini. Uno studio austero e uno specialista dall’aspetto severo certamente non agevolano i piccoli a prendere la dovuta confidenza.
Lo studio va attrezzato: le pareti vanno ricoperte con disegni eseguiti da altri piccoli pazienti che già hanno vissuto questa esperienza e uno spazio deve essere dedicato prettamente a loro con il supporto di materiale da disegno e opuscoli informativi elementari ed idonei alla loro età.
Ogni seduta deve considerarsi un piccolo passo avanti, lo spunto per tornare il quello studio dove il bimbo sa che troverà un amico dentista e non l’orco delle favole che potrebbe fargli del male.

Protossido di azoto per pazienti ansiosi

Nonostante le dovute cautele, ci sono pazienti bambini particolarmente ansiosi e il protossido d’azoto è la tecnica migliore per calmarli.
Ogni piccolo paziente andrà informato sull’uso della mascherina nasale che il piccolo potrà indossare autonomamente: un supporto che sicuramente desterà curiosità, ma anche meraviglia quando l’assistente lo inviterà a scegliere il profumo all’aroma di frutta che preferisce.
Il protossido di azoto è un supporto basilare per i piccoli pazienti che pur rimanendo coscienti e collaboranti, si rilasseranno completamente permettendo al medico di lavorare senza problemi.
La mascherina è un ottimo alleato perché innalza la soglia del dolore, elimina problemi di riflessi faringei e di deglutizione e, soprattutto, garantisce la massima sicurezza.

Il ruolo della mamma è rilevante

La mamma è la prima persona che deve contribuire a permettere che il bimbo entri in confidenza con il dentista.
Le visite sono importanti anche quando il piccolo è solo un neonato. Il dentista consiglierà come pulire il cavo orale ed in particolare le gengive anche in assenza dei dentini. Le sarà spiegato come intervenire per il primo approccio con il ‘ciuccio’ e come pulire i primi dentini da latte. Verrà messa al corrente dei sintomi dolorosi che il neonato accuserà quando spunterà un dentino come la febbre, la salivazione abbondante o i disturbi del sonno.
Le visite precoci saranno la base per familiarizzare nel modo migliore con il dentista.

Categorie

Top

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" then you are consenting to this. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close